Domenica, 22 gennaio 2017 - ORE:06:51

Conosciamo meglio il movimento Anonymous


anonymous

Le prime notizie di azioni rilevanti del movimento si hanno nel 2006, gli Hacktivisti di Anonymous si scagliano contro un parco divertimenti dell’Alabama reo di aver vietato a un bambino affetto di AIDS di immergersi in una piscina. Successivo è l’attacco al sito di un autore radio-fonico, Hal Turner, colpevole di sostenere la tesi della supremazia della razza bianca su tutte le altre. Nel Dicembre 2007 gli Hacktivisti di Anonymous smascherano il pedofilo Chris Forcand segnalandolo alla polizia e fornendo prove della sua compevolezza.

Un movimento forte e in grado di guardare oltre

Nel 2008 gli Hacktivisti di Anonymous si organizzano per combattere la famigerata e temibile setta di Scientology. In questa occasione molti manifestanti si mascherano da Guy Fawkes temendo le ritorsioni della setta. La reazione di Scientology si fa sentire con azioni diffamatorie nei confronti di Anonymous, la setta defaccia un sito per ragazzini epilettici inserendo immagini in movimento che causano crisi firmandosi con il nome di Anonymous.

Il gruppo di Hacktivisti di Anonymous sostiene d’aver dato supporto informatico ai movimenti liberali dell’Iran, dello Zimbabwe, della Tunisia, dell’Egitto che poi sono sfociati nelle rivolte popolari atti a rovesciare i governi. In fine dando supporto agli Indignados spagnoli cavalcando il vento di anti-politica che sta nascendo in Europa.
Anonymous supporta e promuove i documenti di WikiLeaks. Attacca visa, paypal e altri istituti bancari quando essi decidono di non accettare più donazioni in favore di WikiLeaks.

Considerazioni sul Movimento

Senza ombra di dubbio appare evidente che, tutto ciò che nasce dal disagio e dalla voglia di ribellarsi, non può non essere appoggiata e favorita. Soprattutto in un momento storico come quello vissuto dal nostro paese.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 10 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.