Sabato, 29 luglio 2017 - ORE:13:52

Brindisi: l’attentatore non era solo , ma qualcosa ancora non torna


Pare un mistero senza fine, uno di quei casi la cui incognita non la si finisce mai di comprendere del tutto.

La prima ipotesi : è la SCR.

Poi il cambio di rotta: attentatore isolato.

Dopo di che il ritorno sui propri passi : è di nuovo la Sacra corona.

Adesso a quanto pare a far detonare l’ordigno esplosivo davanti l’istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi erano in due.

Il Gip del tribunale di Lecce ha parlato di un presunto complice, confermato a quanto sembra anche da un testimone: l’uomo dovrebbe essere sul metro e ottanta con un naso pronunciato. È stato lui a trascinare il cassonetto davanti l’entrata della scuola prima che Melissa perdesse la vita.

Non finisce qui, il preside dell’istituto è stato sospeso dal proprio incarico per comportamento non consono, 40 giorni prima dell’esplosione aveva fatto mettere nel suo ufficio una porta blindata .

È stato lo stesso preside, con il chiodo fisso della puntualità, ad arrivare in ritardo quella infausta mattina perché doveva fare gasolio.

Si era poi lasciato andare a dichiarazioni piuttosto precise con i giornalisti: «Entro 48 ore lo prenderanno».

E poi: «È un botto preparato da mani esperte».

Possibile che gli attentatori siano allora almeno in tre? E’ davvero da escludere che abbiano agito per conto di altre associazioni?



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 1 minute, 56 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.