Mercoledi, 28 giugno 2017 - ORE:17:56

10 cose che non sapevi su ciò che succede nell’Area 51


L’Area 51 è forse la base militare più conosciuta ma allo stesso tempo più segreta del mondo intero. Eppure, nonostante la segretezza alcune informazioni sono trapelate, e qui vi riportiamo 10 fatti certi che la riguardano. Ecco tutto quello che ancora non sapete.
1. Il governo ha confermato la sua esistenza sono di recente.
2. I droni sono stati inventati proprio in quest’aerea per scopi militari.
3. Nell’ottobre del 2014 un uomo, un ingegnere, che aveva lavorato per molti anni lì ha lasciato un’intervista due mesi prima di morire. L’uomo ha rivelato che è venuto diverse volte in contatto con gli alieni.
4. Sebbene l’Area 51 si trovi in mezzo al deserto, alcune abitazioni che la circondano ci sono, tra cui quella di una famiglia che aveva acquisito i diritti per un terreno minerario a poche miglia dalla base. I militari hanno anche intimidito queste famiglie per mandarle via ma loro non hannop nemmeno accettato soldi in cambio del loro sgombro.
5. Sembra che all’interno dell’Area 51 ci sia un Ranch chiamato Ranch Paradiso.
6. L’atterraggio sulla Luna: la data del primo allunaggio sarebbe un falso, mentre solo in seguito l’uomo ci sarebbe arrivato. Se l’allunaggio è un falso, il video è un set del tutto terrestre. E il set sarebbe stato allestito proprio nella nota area.
7. L’aspirapolvere per la pista: Infatti l’Area 51 è un posto perfetto per svolgere i test in maniera sia segreta che economica, ma ha anche un difetto: trovandosi nel deserto è molto polverosa e la polvere avrebbe potuto creare problemi agli aerei spia che qui venivano sviluppati. Per questo sembra che molti militari abbiano contribuito ad… aspirare la pista di atterraggio. E non solo una volta, ma più volte. Immagini i militari con la mimetica a passare l’aspirapolvere su una pista?
8. Alcune delle teorie più ridicole sono quelle che trattano il fatto che venissero sperimentati dischi volanti e che venissero sviluppate tecnologie basandosi su ingegneria inversa di veicoli alieni. In realtà, queste cose sono vere entrambe, fino a un certo punto: i dischi volanti che venivanonvisti praticamente erano droni sperimentati per il trasporto del carburante, mentre l’ingegneria inversa avveniva veramente ma non su veicoli alieni. Su veicoli sovietici.
9. A volte i giornalisti dimenticano come si faccia il loro mestiere, e dimenticano dove siano i limiti.Nel 2012, un gruppo di celebri giornalisti hanno fatto irruzione all’interno della base militare e sono entrati indisturbati riuscendo a filmare quello che effettivamente era solo tanto, tanto deserto… Chiaramente i militari sapevano già della loro irruzione quindi hanno semplicemente aspettato un po’ a fermarli. Poi li hanno fatti mettere a faccia in giù nel fango per tre ore e li hanno perquisiti prima di lasciarli andare visto che erano innocui. Non è noto quale colpo di genio li abbia spinti a fare una cosa del genere.
10. I crimini: La cosa più sconcertante che però riguarda la base sono sicuramente le violenze che venivano commesse al suo interno su chi ci lavorava. Non tanto perché i dipendenti venissero picchiati quanto perché lavoravano con materiali e macchinari pericolosi senza la giusta sicurezza, e a causa delle attrezzature nucleari molti di loro hanno sviluppato delle neoplasie anche mortali.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 32 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.