Domenica, 22 gennaio 2017 - ORE:07:03

Sentenza Shock in Arabia Saudita, condannato ad essere paralizzato


Arabia Saudita

Lo denuncia Amnesty International, rivolgendo un appello al Paese e al mondo intero perché fermi la condanna emessa il 2 aprile scorso sulla base. La sentenza si basa sulla legge del taglione: nel 2003, all’età di 14 anni, Ali al-Khawahir aveva infatti accoltellato un suo amico, che era rimasto paralizzato agli arti inferiori.

Adesso, dopo dieci anni, una corte di Al-Ahsa ha stabilito che il «colpevole dovrà subire la medesima sorte» se non riuscirà a reperire la somma richiesta. Una durissima condanna alla sentenza arriva anche dalla Gran Bretagna: «Siamo fortemente preoccupati per questa decisione», ha detto un portavoce del ministero degli Esteri britannico, che ha parlato di fatto «grottesco» e pena «proibita dalla leggi internazionali».

Una pena peggiore della tortura

Amnesty afferma di essere a conoscenza di un’altra sentenza simile, emessa nel 2010, ma che non risulta essere stata eseguita. Le leggi dell’Arabia Saudita – continua l’ong – prevedono un’ampia gamma di pene rientranti nell’ambito delle punizioni corporali. La fustigazione è prevista obbligatoriamente per numerosi reati e può essere inflitta dal giudice, a sua discrezione, come pena alternativa o aggiuntiva al carcere. L’amputazione, invece, è prevista per i reati di furto (taglio della mano destra) e rapina in autostrada (taglio della mano destra e del piede sinistro).

Nell’ambito delle pene retributive – riporta ancora l’organizzazione – alcuni imputati sono stati condannati all’estrazione degli occhi o dei denti, oltre che a morte. «Amnesty International continua a chiedere l’abolizione di queste pene crudeli e illegali», simili alla «tortura».] Un tribunale dell’Arabia Saudita ha condannato un uomo a «essere reso paralitico se non pagherà un milione di riyal sauditi (circa 270mila dollari) di risarcimento». Lo denuncia Amnesty International, rivolgendo un appello al Paese e al mondo intero perché fermi la condanna emessa il 2 aprile scorso sulla base.

Siamo nel 2013 ma la legge del taglione esiste ancora

La sentenza si basa sulla legge del taglione: nel 2003, all’età di 14 anni, Ali al-Khawahir aveva infatti accoltellato un suo amico, che era rimasto paralizzato agli arti inferiori. Adesso, dopo dieci anni, una corte di Al-Ahsa ha stabilito che il «colpevole dovrà subire la medesima sorte» se non riuscirà a reperire la somma richiesta. Una durissima condanna alla sentenza arriva anche dalla Gran Bretagna: «Siamo fortemente preoccupati per questa decisione», ha detto un portavoce del ministero degli Esteri britannico, che ha parlato di fatto «grottesco» e pena «proibita dalla leggi internazionali».

Amnesty afferma di essere a conoscenza di un’altra sentenza simile, emessa nel 2010, ma che non risulta essere stata eseguita. Le leggi dell’Arabia Saudita – continua l’ong – prevedono un’ampia gamma di pene rientranti nell’ambito delle punizioni corporali. La fustigazione è prevista obbligatoriamente per numerosi reati e può essere inflitta dal giudice, a sua discrezione, come pena alternativa o aggiuntiva al carcere.

L’amputazione, invece, è prevista per i reati di furto (taglio della mano destra) e rapina in autostrada (taglio della mano destra e del piede sinistro). Nell’ambito delle pene retributive – riporta ancora l’organizzazione – alcuni imputati sono stati condannati all’estrazione degli occhi o dei denti, oltre che a morte. «Amnesty International continua a chiedere l’abolizione di queste pene crudeli e illegali»», simili alla «tortura».



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 29 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.