Giovedi, 17 agosto 2017 - ORE:23:14

Bangladesh, tragedia annunciata: crolla palazzo dichiarato inagibile, 300 morti

Bangladesh

Bangladesh

Bangladesh: tra tragedie e proteste

Nei pressi dell’edificio continuano ad aggirarsi i parenti delle vittime, cercando fra le file dei cadaveri ancora senza nome di riconoscere un volto familiare- sperando di non trovarlo- oppure affidandosi alle liste dei dispersi affisse al muro.

Mentre i soccorritori continuano incessantemente a scavare con l’aiuto dell’esercito, a poca distanza, in strada, esplodono le proteste di un paese indignato da questo disastro – il peggiore nella storia dell’industria tessile del Bangladesh, ma non l’unico – avvenuto a soli cinque mesi dal terribile rogo della fabbrica Tazreen Fashion Factory, costato la vita a 120 operai. In migliaia si sono scagliati contro la polizia invocando la pena di morte sui responsabili di quella che è stata, a tutti gli effetti, una tragedia annunciata: l’edificio infatti era stato dichiarato inagibile dai vigili del fuoco, allertati da alcune vistose crepe, proprio il giorno prima del pauroso crollo.

In gioco c’erano però interessi più grandi

L’edificio infatti ospitava al suo interno, oltre che uffici e un centro commerciale, anche molte fabbriche tessili i cui operai, secondo le testimonianze dei sopravvissuti, sarebbero stati ricattati dalle grandi multinazionali , obbligati a rientrare al lavoro in un edificio pericolante per non fermare le linee di produzione.

Questo riporta al centro dell’attenzione l’enorme problema delle precarie condizioni di lavoro in Bangladesh, il paese con i salari più bassi del mondo (in media, circa 28 euro mensili) dove i grandi brand della moda low-cost approfittano del bassissimo costo della manodopera e della tassazione più che favorevole per delocalizzare le proprie linee di produzione ed essere competitivi sul mercato: l’elenco è lungo e comprende nomi arcinoti, da Mango a Primark, da Wal- Mart a Gap, passando per il colosso svedese H&M e anche per l’italiana Benetton che però, in un comunicato stampa ufficiale, smentisce ogni coinvolgimento.

brad-adamscrollo-bangladesh

Le dichiarazioni di Brad Adams, direttore di Human Rights Watch

«L’industria paga i salari più bassi al mondo, ma non ha la decenza di assicurare la sicurezza di chi lavora per vestire mezzo mondo», ha detto Brad Adams, direttore per la sezione asiatica dell’organizzazione Human Rights Watch. Le multinazionali che lavorano nel Paese e che si spartiscono un mercato da 20 miliardi di dollari potrebbero finalmente vedersi costrette a sedere attorno a un tavolo con i rappresentanti dei lavoratori per trovare un accordo che migliori le condizioni di lavoro e di vita degli operai del settore tessile, dopo il tentativo fallito del 2011.

A pochissimi giorni dalla Festa dei Lavoratori, fa male sentire di trecento lavoratori morti per mancanza di controlli, allarmi ignorati, sfruttamento, ricatti: tanto più che un’infinitesima parte della responsabilità ricade su tutti noi acquirenti delle grandi multinazionali che per una camicetta a prezzo più basso sono disposti a sacrificare il diritto alla sicurezza sul posto di lavoro.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 18 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.